Per Reggio Calabria trasferta vietata

di Alessandro Zarfati Commenta


Confermato il divieto di trasferta a Reggio Calabria per il pubblico giallorosso. La gara era stata segnalata nei giorni scorsi ad alto rischio dal Viminale e nella giornata di ieri è arrivata la conferma da parte del Casms, il comitato di analisi sulle manifestazioni sportive.

Lo stop per la gara contro la Reggina suscita polemiche anche nel merito della decisione: il Casms nell’indicazione al prefetto del capoluogo calabrese, non ha inserito nel provvedimento alcuna motivazione ufficiale, citando l’evento come “ad alto rischio“.

Alle frizioni tra i tifosi, un tempo gemellate, si aggiungono quindi le direttive del Ministero degli Interni riguardanti la società e le proprie tifoserie, non completamente aderite dalla Roma, la quale tuttavia ha avviato negli ultimi tempi seri controlli sulle tessere nominali dei propri tifosi.

Se a tutto questo si aggiunge che per quello che riguarda i tifosi capitolini, il divieto di trasferta è avvenuto sei volte su dodici in questa stagione, si capisce come per i supporters la gita fuori porta al seguito della propria squadra del cuore, stia diventando sempre di più un patibolo da subire più che un piacere da assaporare.

E non è l’unica novità: il Casms ha ritenuto partita “ad alto rischio” anche la gara contro il Genoa del prossimo 8 febbraio. La Roma in quel caso giocherà in casa ma si profila la chiusura del settore ospite, nello scontro diretto per il quarto posto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>