Roma: non è solo un problema di gambe

di Redazione Commenta

Dal Messaggero:

La domanda delle domande è questa: che cos’ha la Roma? Trovata la risposta, tutto sarebbe più facile. E si potrebbe disegnare il futuro, decidendo, per esempio, se sia o no il caso di rifare la squadra. Montella, che ormai ne sa più di tutti (dopo Ranieri, ovvio) dice senza dire: condizione fisica scarsa. Tutto qui? Siamo sicuri che, solo cambiando preparazione, questa Roma avrebbe ottenuto risultati migliori? Andiamo a guardare. Nelle prime 4 giornate, i punti sono stati 2, i gol fatti 4 e quelli subìti 9. Nelle ultime 5 i punti di nuovo 2 (e, come all’andata, frutto di 2 pareggi interni), gol fatti 9 e subìti 14. In mezzo, tra i due picchi neri, ci sono 18 partite, praticamente un girone, nel quale la Roma è stata seconda con 39 punti, gol fatti 28 e presi 15. In sintesi: due momenti di crisi profonda e un lungo periodo felice, come capitò con l’ultimo Spalletti. Dunque non sempre la preparazione è risultata scarsa, senza considerare la rimonta finale sul Bayern o la resa iniziale davanti agli ucraini. I numeri ci fanno pensare che la condizione fisica sia altalenante, di sicuro non perfetta, ma non la causa di ogni male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>