Ag. Rolando: “La Roma lo segue, ma il Porto vuole 15 milioni”

di Redazione Commenta

La Roma ha raggiunto un accordo con Rolando, ma non con il Porto che non scende dalla richiesta iniziale di 15 milioni di euro. A confermare la situazione fra la società giallorossa e quella portoghese è stato l’agente del giocatore, Peppino Tirri, che intervenuto a Tele Radio Stereo ha detto:

“La Roma sta lavorando a Rolando, è interessata al suo acquisto. Lui dopo tanti anni avrebbe anche voglia di misurarsi in un ambiente diverso. Ma il problema principale è causato dalle richieste del Porto, che per il suo cartellino chiede 15 milioni di euro, e non ha intenzione di scendere nelle richieste. Notoriamente il Porto per i suoi calciatori chiede molto, evidentemente per il valore del suoi ragazzi. La Roma come altre società è interessata, a gennaio ci provò l’Anzhi proprio con 15 milioni di euro, ma l’offerta fu respinta, all’epoca il Porto chiedeva 18 milioni, ora la cifra può abbassarsi proprio a 15 ma non scenderà più”.

A questo punto o il Porto abbasserà le proprie pretese oppure la Roma dovrà rivolgere le sue attenzioni altrove. A Trigoria, infatti, riputano eccessiva la valutazione del difensore fatta dai lusitani, motivo che sta spingendo Walter Sabatini a battere altre piste.

Sempre nel reparto arretrato ci sono da registrare le dichiarazioni del procuratore di Simon Kjaer, Mikkel Beck, che al portale danese Sporten.dk ha rivelato:

“Rimanere in prestito alla Roma non è interessante per lui. Quello che vogliamo è un contratto definitivo con la Roma. Ora attenderemo la fine di questo mese, quando ci sarà una decisione presa dal Wolfsburg e dalla Roma. Fino ad ora, abbiamo sentito solo la società giallorossa. Solo se avremo un no da parte loro cominceremo a guardarci altrove”.

Photo credits | Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>