Ricorso Osvaldo, qualcosa sta cambiando nella Roma

di Redazione Commenta


Che qualcosa fosse cambiato nella Roma lo si era capito dalle parole di Luis Enrique al termine del derby.

Per la prima volta nella sua esperienza nella Capitale, il tecnico asturiano aveva dichiarato di voler giocare una stracittadina in 11, accusando di fatto l’operato dell’arbitro.

Operato che non era mai stato messo in discussione né dalla dirigenza né dall’allenatore, che anzi sono stati i primi a “squalificare” i propri giocatori.

Da Osvaldo a Firenze e De Rossi a Bergamo (che però sono casi disciplinari interni allo spogliatoio) a quello di Ciciretti più strettamente del campo, che non ha giocato la finale del Viareggio contro la Juventus per volere del dg Franco Baldini, punendolo oltre la squalifica dell’arbitro dopo l’espulsione rimediata sul terreno di gioco due turni prima.

Come dicevamo qualcosa sta cambiando nelle segrete stanze di Trigoria, dove ieri è partito il ricorso per la squalifica di due giornate inflitta a Osvaldo per il calcio rifilato a Cigarini contro l’Atalanta. Ricorso che come sempre è stato affidato all’eccellente avvocato Antonio Conte.

Photo credits | Getty Images


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>