Ranieri: “Adriano? ci punterei”

di Redazione Commenta


Dal Corriere dello Sport

Ora lo dice pure Claudio Ra­nieri. E se lo dice lui, allora vuole di­re che qualcosa di concreto c’è. Per­ché il tecnico romano e romanista, protagonista di una stagione fantasti­ca sulla panchina dei suoi sogni, in questa sua prima annata a casa, mai in precedenza aveva dato la pur minima indicazione di mercato. Stavolta, no. L’ha data. E l’ha fatto sul nome più gettonato per il futuro della Roma, quello di Adriano, il centravanti brasi­liano che po­trebbe- dovreb­be prendere il posto di Luca Toni che la Ro­ma non pare per nulla intenzio­nata a riscattare dal Bayern Mo­naco. Dunque, ieri mattina, Claudio Ra­nieri ha partecipato, con grande pia­cere e disponibilità, alla conferenza stampa di presentazione del “ Derby del cuore”, a Roma, viale Mazzini, se­de centrale della Rai, partita di bene­ficenza a favore di Telethon, che si giocherà a Modena il prossimo venti­cinque maggio con l’allenatore giallo­rosso che sarà il tecnico del Telethon team. Convenevoli, inviti a partecipa­re e donare (ai quali ci associamo to­talmente invitando tutti a farlo), do­mande, risposte, mercato, Adriano. Che, oggi come oggi, anche alla luce dei precedenti e dei motivi che hanno portato Carlos Dunga a non convocar­lo per il Mondiale, è soprattutto una scommessa. Ranieri sarebbe pronto a scommettere sul brasiliano? « Io non scommetto mai, non faccio neppure la schedina, però…» . Però? «Però la mia carriera è sempre stata fatta di scom­messe. Io non so nulla di Adriano e an­che se lo sapessi non direi nulla. La mia scommessa principale è fare me­glio con la Roma il prossimo anno, tut­ti vorrebbero vedere superati gli ottan­ta punti che abbiamo fatto nell’ultimo campionato» . Insomma, Ranieri sem­bra disposto a scommettere sul brasi­liano. Anche perché, come ha specificato in un secondo momento, a una domanda in cui gli si domandava se Adria­no gli piacesse, il tecni­co, con un sorriso, ha risposto con nomi im­portanti, cioè con nomi di giocatori che qua­lunque allenatore vorrebbe: «Di gio­catori come Adriano ce ne sono tanti… Milito, Balotelli, Eto’o, Villa… questi sono giocatori importanti» .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>