Cessione Roma: domani Cda Roma 2000, attesa per gli americani

di Redazione Commenta


Da Mf-DJ:

Dopo la sconfitta interna con il Napoli continua l’agitazione in casa As Roma. Un’agitazione tecnica, ma anche un’ansia societaria. L’attesa per la definizione della trattativa in esclusiva con gli americani diThomas R. DiBenedetto sta agitando le parti, ma anche i tifosi. Domani, a meno di ulteriori rinvii, si terrà il meeting tra l’advisor RothschildUnicredit e il Cda di Roma2000 (con Rosella Sensi, Attilio Zimatore e Antonio Muto) per far decollare il deal. Cosa manca? Gli ultimi documenti di un paio dei componenti della cordata. Unicredit ha chiesto garanzie e informazioni molto dettagliate agli americani: una evidenza dei fondi specifica di ciascun partecipante all’operazione, dopo aver già ottenuto un’evidenza dei fondi complessiva da parte di Piper Jaffray per la NewCo che ha presentato la binding offer.
E questa meticolosità ha suscitato non poche perplessità dall’altra parte dell’oceano: appare strano a miliardari che chiudono deal ogni giorno per milioni di dollari dover dimostrare di avere in banca poco più di dieci milioni di dollari. Pensiamo all’ultimo socio, solo in ordine di notizia, partecipante della cordata diDiBenedettoJames Pallotta. Azionista dei Boston Celtics, è stato per anni uno tra i manager più pagati degli Stati Uniti con un patrimonio vicino al miliardo di dollari. Durante il fine settimana ha dovuto chiamare la sua banca per farsi dare la certificazione che in cassaforte ha più di dieci milioni di dollari.
Ma questa è la procedura richiesta da Unicredit Rothschild (scottati dalle ultime vicende legate a Vinicio Fioranelli) e gli americani lo sanno ed intendono rispettare tutti gli impegni presi. Non hanno alcuna intenzione di andare via o lasciare un’operazione in cui credono tanto.
E a volere il deal è anche Unicredit, anche perchè se salta l’accordo con gli americani, essendo le altre quattro offerte “irricevibili” si rischia di lasciare la Roma in una situazione di non ritorno. E questo la banca lo sa. Dopo l’analisi dei documenti di domani, dunque, arriverà finalmente il tempo di sedersi attorno ad un tavolo per definire i dettagli dell’accordo. Questa fase riuscirà forse anche a mettere tranquillità a squadra, management e tifosi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>