Allenatore Roma, arriva Luis Enrique

di Redazione 1

Dal Messaggero:

Thomas RichardDiBenedetto posa la prima pietra della rifondazione giallorossa: Luis Enrique, 41 anni, è il nuovo allenatore della Roma. «Scelgo il progetto: presto saremo grandi». Il sì del tecnico spagnolo in una telefonata a Walter Sabatini poco dopo mezzogiorno. E, ricevuti i complimenti dal diesse, subito un’altra chiamata, a tutti gli uomini dello staff del Barça B, i cinque che lo seguiranno nell’avventura nella Capitale, cominciando dal fedelissimo De la Peña. «Ivan, andiamo tutti a Roma», le parole dell’allenatore di Gijon all’amico, sempre al suo fianco e ancora di più in queste ore. «Lucho, se proprio dobbiamo cambiare squadra, andiamo in Italia», il suggerimento del Piccolo Budda, decisivo quindi nella fase del dentro o fuori. Da non trascurare anche la spinta di Pep Guardiola che più di un mese fa lo aveva presentato a Franco Baldini, avvisato anche lui della felice conclusione della trattativa e raggiunto telefonicamente a Varsavia. Niente da fare, dunque, per l’Atletico Madrid, sino all’ultimo convinto di poter sfilare Luis Enrique alla Roma. Dopo in Cda, il club spagnolo proprio ieri mattina ha ufficializzato il nuovo e disperato tentativo per prendere l’asturiano che ormai aveva preso la sua decisione. A farlo tentennare, lunedì, il doppio rilancio. Due milioni di euro la prima offerta, già abbondantemente superiore a quella giallorossa. In tarda serata, con un’iniziativa personale del general manager Miguel Angel Gil, la proposta choc: due milioni e mezzo. Sabatini, però, è sempre stato sicuro di sè, anche se domenica, incontrando Campedelli, presidente del Cesena, gli aveva chiesto se poteva trattare Giampaolo, con il quale aveva parlato nei giorni scorsi per farsi spiegare meglio i metodi di lavoro dello spagnolo, visto che l’ex tecnico del Catania era stato ultimamente a studiarlo di persona. Prima di ricevere il sì, il diesse aveva già accontentato Luis Enrique. L’asturiano avrebbe virato sull’Atletico solo se la Roma non gli avesse concesso i cinque collaboratori. Non ne faceva, dunque, una questione di ingaggio, tant’è vero che nelle prossime ore firmerà un biennale (più opzione per un’altra stagione) da un milione e seicentomila euro all’anno. Il club giallorosso, inizialmente, non avrebbe voluto spendere una cifra del genere, ma si è resa conto che non poteva giocare al ribasso. L’investimento diventa ancora più alto se si considera che per lo staff di Luis Enrique dovrà versare circa un milione e centomila euro a stagione. Manca ancora la firma sul contratto. Ma non è un problema. Ieri c’è stato un primo scambio di email per l’accettazione della proposta economica. Oggi, invece, partirà un fax dalla Roma con una bozza dell’accordo che ovviamente andrà controfirmato dallo spagnolo. In questi due giorni sarà preparato il precontratto che non sarà ancora quello su moduli federali. (…)

Commenti (1)

  1. FORZA ROMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA LUIS
    VAI VINCEREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE LA ROMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>