Udinese-Roma. I giallorossi spariscono ancora

di Daniele Pace Commenta

Ci risiamo, è successo di nuovo. La Roma sparisce a Udine, con le solite modalità, con la solita mancanza di personalità, carattere e motivazioni. Non ha caso, Di Francesco a fine gara ha parlato di mancanza di voglia di vincere.

Ma ora siamo ad un terzo della stagione, e il ritardo è pesante. Non sulla prima in classifica, irraggiungibile per mille motivi, ma dall’importantissima zona-Champions. Se continua così, l’anno prossimo sarà già tanto che la Roma disputi l’Europa League.

I problemi

Il principale problema di quest’anno è che non si tratta della solita crisi di un mese, ma di una sorta di piccola febbre, che periodicamente riemerge. La Roma come al solito ha avuto il solito e sterile 70% di possesso palla. Tiri pericolosi, praticamente nessuno.

E poi, preso il gol, la solita flemma. Nessun cambio di passo, nessuna rabbia. E il solito gol preso per due o tre disattenzioni collettive. Stavolta il gol è addirittura arrivato su una rimessa laterale.

Si cercano le cause, e ormai sembra chiaro che queste vanno ricercate in una campagna acquisti che non è stata azzeccata. Non nelle qualità tecniche, ma in quelle caratteriali.

Tiri in porta fiacchi, senza voglia di far gol. Contrasti molli. Oggi è andato male anche Nzonzi. L’unico con un po’ di cattiveria è parso il solito Lorenzo Pellegrini.

Adesso arriva il Real Madrid, che per fortuna sembra stare peggio dei giallorossi, anche se la Roma sa resuscitare anche i disperati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>