Le cure funzionano, le ferite migliorano

di S.D.S. Commenta

Totti fa progressi. Il ginocchio del Capitano sta rispondendo bene alle cure: l’articolazione nelle ultime ore si è notevolmente sgonfiata, grazie alla fisioterapia e al lavoro in piscina. Per il momento la risonanza a Villa Stuart è rimandata. La situazione del numero dieci sarà valutata di giorno in giorno: al ginocchio di Totti verrà concesso più tempo, prima della visita con il professor Mariani, per verificare meglio l’effetto delle cure. Lo staff sanitario della Roma, però, non si lascia andare a slanci di ottimismo, in vista della sfida contro il Milan. Tanto su Francesco quanto su Mirko Vucinic: “Sono in dubbio“, ha affermato il preparatore atletico Paolo Bertelli, a margine della partitella in famiglia contro la Primavera.
MIGLIORAMENTIPizarro ha subito un colpo al polpaccio: nulla di grave, fanno sapere da Trigoria. L’infermeria del Fulvio Bernardini, già da domani, dovrebbe iniziare a svuotarsi. Brighi, Cassetti e Menez sono ormai prossimi ad allenarsi con il resto del gruppo. Baptista, invece, continuerà a lavorare in modo differenziato fino a martedì. Più complicata è la situazione di Marco Motta: il terzino soffre ancora per il colpo rimediato alla caviglia destra durante Roma-Napoli; l’edema non si è assorbito e i tempi di recupero non sono calcolabili. Al contrario, risultano in netto miglioramento le condizioni di Juan (stiramento di primo grado del bicipite femorale): la possibilità di un suo recupero per la sfida di San Siro si fa concreta.
Le prossime ore saranno utili a capire se il colpo subito al ginocchio da Andreolli (sostituito durante la partita di oggi) ha arrecato più danni del previsto.
DONI E CICINHO – “Mi sono sentito perso“. Ha esordito così Doni, nella sala stampa di Trigoria, dopo aver difeso i pali dei ragazzi di Alberto De Rossi. Il brasiliano, che non disputava una partita da oltre cinque mesi, ha rimediato ‘nove schiaffi’ dai suoi compagni di squadra. Il portiere in questi giorni ha lavorato poco sulle situazioni di gioco. Dal canto suo, spera di potersi mettere a disposizione di Ranieri domenica prossima: “Sto recuperando – ha spiegato Doni -, mi sento abbastanza bene. Stiamo sulla strada giusta. Non so se sarò pronto per il Milan. Farò il massimo per esserci, poi deciderà il mister. Se si giocasse domani dovrei rispondere di no. Mi sono sentito perso, molto perso, durante la partita di oggi. Ma è normale dopo cinque mesi che non giocavo“. Assieme a Doni, si è rivisto all’opera Cicinho: il terzino sta lavorando sodo, è un po’ affaticato, ma dice di sentirsi bene.
CAVANISono stati “vicinissimi“, Cavani e la Roma, l’estate scorsa. Lo ha confermato ad Asromalive.com il procuratore dell’uruguaiano Claudio Anellucci: “Negli ultimi mesi ho avuto diversi contatti diretti con la dirigenza giallorossa per portare il giocatore nella Capitale. La scorsa estate siamo stati vicinissimi ad un accordo. A Trigoria il ragazzo piace molto“. Il nome del Matador è tornato di moda nelle ultime ore. Difficilmente l’affare si farà a gennaio: “Escludo la possibilità del prestito“, ha affermato il manager. L’unica strada percorribile potrebbe essere quella di uno scambio, magari con Brighi: “Zamparini, però, chiederebbe due giocatori più soldi“. E Pradè, almeno nella prossima finestra di mercato, non potrebbe accontentarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>