Totti: il Brescia ha sempre un sapore speciale

di Redazione Commenta


Dal Romanista:

Più di 6mila e 500 giorni, più di 156mila ore e 250 gol dopo, riecco il Brescia. Stasera Francesco Totti scenderà in campo contro la squadra che ha avuto la fortuna e l’onore di vederlo per la prima volta in campo in serie A. Era il 28 marzo del 1993 e la Roma stava vincendo al Rigamonti per 2-0. A quel punto Boskov (anche se di recente Mihajlovic ha polemicamente rivendicato la paternità di quella scelta) decide di far uscire Rizzitelli e di far entrare “il ragazzino”. E’ l’esordio in campionato di quello che diventerà il più grande giocatore giallorosso di tutti i tempi. Per il quale dunque il Brescia riporta alla memoria bei momenti. E non solo per quel debutto, ma anche per i tanti gol segnati. Per uno che è il sesto marcatore di sempre in Serie A con 195 centri (il quinto posto occupato da Roberto Baggio è ora lontano solo dieci lunghezze), è difficile trovare una squadra alla quale non abbia realizzato montagne di reti. Eppure il Brescia ha comunque un sapore speciale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>