Roma: altra rimonta subita

di Redazione Commenta


Dal Corriere dello Sport:

E’ bastato un colpo di tac­co per scoprire il bluff della Roma. E per cambiare la storia della par­tita. Il colpo di tacco l’ha inventato Amauri, che in cinque minuti ha se­gnato quanto non gli era riuscito in mesi e mesi. E il colpo di tacco, ol­tre a mettere in ginocchio la Roma, ha scosso il Parma e rimesso Amauri su un piedistallo, che aveva perso da tempo. Se basta un colpo di tacco, sia pur bello e velenoso, per mandare in tilt la Roma, vuol dire solo una cosa: che Montella, come si supponeva, non è il mago Merlino e la Roma resta una squa­dra malata, spenta e in seria diffi­coltà. Molti hanno insinuato che nelle ultime esibizioni si fosse ‘ri­sparmiata’ per fare dispetto a Ra­nieri. La curva l’ha accolta con fi­schi, nonostante il blitz di Bologna, quasi per dirle: ma come, ora ti ri­metti a giocare? I sospetti si sono moltiplicati perchè nel primo tem­po, con un Parma rassegnato, esan­gue, la Roma ha dominato, giocan­do da sola. Due gol in poco più di mezz’ora, strada spianata, tanto che molti hanno cominciato a contare i punti di ritardo dal quarto posto. Sia pur su ritmi bassi, ha cominciato a girare attorno a Pizarro, che ha sa­puto dettare tempi, giocate, inseri­menti dei centrocampisti. E’ parso di rivedere la vecchia Roma spal­lettiana, anche se in sedicesimo, con pochi cambi di velocità e scar­sa frequentazione sulle fasce. Totti si è scatenato, rincorrendo come un ragazzino gli avversari e cercando di festeggiare le sue 600 gare (o 601?) con qualcosa di importante.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>