Roma-Livorno, Vucinic e Menez all’esame. Guberti sfila il posto a Taddei?

di Redazione 2


L’armata Ranieri non inseguirà soltanto i tre punti, contro il Livorno (domani, Stadio Olimpico, ore 15.00). Ammesso che il ‘gioco’ possa ancora essere messo da parte (la voce non era prevista nella cartella clinica compilata dal tecnico al suo arrivo), gli attaccanti giallorossi sono chiamati a sfatare un tabù: il gol senza Francesco Totti. L’allenatore di San Saba lo sa (“caspita se è un limite“) e ci scherza su: “Come si risolve la questione? Recuperando Totti. E’ un problema se manca? Altrimenti perchè lo paghiamo così tanto?“. A leggere i dati, viene un po’ meno da ridere: Okaka, Baptista e Vucinic sono ancora all’asciutto in campionato. Menez ha segnato una sola rete. Ma Ranieri, in conferenza stampa, preferisce porre l’accento su altre questioni: “Quello della discontinuità è un problema da risolvere. Solo con la Fiorentina abbiamo giocato molto bene. Dove possiamo arrivare? A Roma si passa dalla paura di retrocedere allo scudetto. Esiste una via di mezzo. Io lavoro per arrivare lassù. Ma se la squadra ha avuto dei problemi, bisogna risolverli. Altre squadre in Europa fanno fatica a recuperare a livello mentale. E in Italia questo avviene ancor di più. La squadra adesso c’è, a marzo verrà fuori il lavoro svolto“. Sull’avversario: “Le insidie nascono dal cambio di allenatore. Cosmi ha avuto pochi giorni per fare tutto, come è successo a me. Avranno molti stimoli, come capita sempre quando c’è un cambio in panchina. Il Livorno adotterà il 5-3-2, Cosmi lo usa sempre. Vedremo un’altra squadra“.
SCELTE – Calcoli. Ranieri è chiamato a farli, nello stilare la formazione. Domani il Livorno, ok. Ma mercoledì l’Udinese. Qualcuno avrebbe bisogno di rifiatare. Qualcuno non lo si vorrebbe rischiare. Altri sono stati lasciati a casa, perchè non ancora al 100% (come Cicinho). Burdisso sarà chiamato ancora ad uno sforzo, però. Mentre Juan, con tutta probabilità, si accomoderà in panchina. In Friuli, potrebbe esserci un avvicendamento. Mexes, in netta ripresa a Londra, farà coppia con l’argentino all’Olimpico. Cassetti e Riise completeranno il reparto arretrato. Capitolo centrocampo: Ranieri sembra orientato a dare fiducia a Guberti. Taddei non sta convincendo, in questo momento. Mentre l’esterno ex Bari, contro il Fulham, si è mosso bene. Rodrigo potrebbe così restare a guardare. Guberti verrebbe collocato a sinistra, Perrotta a destra. Le chiavi di centrocampo saranno affidate a Pizarro e De Rossi. Il tandem d’attacco sarà composto da Vucinic e Menez. Nessun dubbio in merito. Salvo quello sulla capacità realizzativa di entrambi. A loro il dovere di fugarlo.


Commenti (2)

  1. Menez non è a secco in campionato come scritto! Ha segnato domenica scorsa a San Siro!!! MAh!

  2. @ andrea:
    Svista corretta. Grazie per la segnalazione. Non dovrebbe capitare, ma spero di essere perdonato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>