Osvaldo e Bojan, Luis Enrique: “Quelli che voi reputate esterni”

di Redazione Commenta


Due dei tre gol contro l’Atalanta sono arrivati da Bojan e Osvaldo. Il primo si è bloccato, togliendosi di dosso le tossine di inizio stagione; il secondo ha confermato quello che di buono aveva fatto vedere contro Siena e soprattutto Parma.

Entrambi hanno realizzato i famosi gol da centravanti. L’ex Barcellona ha attaccato al profondità e ha capitalizzato al meglio una splendida verticalizzazione di De Rossi. L’italoargentino era al posto giusto al momento giusto e ha realizzato il raddoppio.

Entrambi giocano ai lati di Totti e formano il tridente finto della Roma di Luis Enrique. Finto perché il capitano si abbassa notevolmente e gioca nel ruolo di trequartista. In più i due neoacquisti partono sì larghi, ma si accentrano per dettare il passaggio dei compagni.

In quel ruolo era nato l’equivoco tattico della Roma, che scendeva in campo con tre attaccanti centrali, senza riuscire a sfondare sulle fasce, perché i giocatori che si erano alternati in quella posizione (a eccezione del solo Borini) non riuscivano quasi mai a creare la superiorità numerica.

Nella conferenza stampa prima della trasferta di Parma, una frase sibillina di Luis Enrique aveva fatto riflettere. Alla domanda sul tridente d’attacco, il tecnico asturiano ha risposto “quelli che voi reputate esterni”. Parole che avevano lasciato intendere che nella sua mente i due vicino a Totti non dovevano essere esterni puri (alla Mancini con Spalletti) ma numeri nove pronti a convergere al centro e cercare la via del gol.

Photo credits | Getty Images


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>