Montella: “Cali fisici. Adriano? Indifendibile”

di Redazione Commenta


Dalla Gazzetta dello Sport:

Non si nega nulla la Roma nel giorno delle 600 partite di Totti: il gol numero 197 del capitano, l’illusione del 2-0, le gomme che si sgonfiano dopo un’ora, la sesta rimonta subita in campionato, la penosa fuga in silenzio di Rosella Sensi, Adriano che salta la visita di controllo alla spalla e che, parole del direttore generale in pectore Gian Paolo Montali, «è indifendibile». Sullo sfondo, Claudio Ranieri: l’ambiente ha giudicato «indelicata», nei tempi soprattutto, l’intervista rilasciata al Tg1 dall’ex allenatore della Roma alla vigilia della gara con il Parma. Montella Il nuovo tecnico indica nella condizione fisica il problema numero uno della Roma: «Se abbiamo subito 24 gol nell’ultima mezz’ora, una spiegazione ci sarà. Il calo fisico è evidente, poi diventa anche un problema mentale: quando le energie calano, subentra la paura. La ricetta? L’unica: lavorare». 

L’infortunio di Pizarro, che ha riportato un trauma distorsivo al ginocchio destro— oggi i test clinici —, ha distrutto la squadra: «Pizarro è fondamentale. Mi dispiace che sia stato fischiato mentre usciva in barella». Montella fa quadrato attorno la squadra. Protegge Riise («ha sbagliato qualcosa, ma l’ho visto in crescita»), confessa di aver intravisto segnali positivi («siamo migliorati rispetto a Bologna»), difende la decisione di sostituire Totti («in quel momento mi sembrava la scelta giusta e la rifarei»).

Adriano Il brasiliano non si è presentato alla visita di controllo con il professor Castagna. Montali è durissimo: «Adriano è indifendibile. Abbiamo fatto tanto per lui e a questo punto prenderemo provvedimenti nell’interesse della Roma». Poi parla del futuro, indicando la linea guida della possibile convivenza con Franco Baldini: «Con la nuova proprietà, dovrei avere l’incarico di direttore generale. In una società moderna, servono due figure importanti: il d.g. dell’area sportiva e il d.g. dell’area economica».

Totti Il capitano esce a testa bassa. Sul suo sito scrive: «Avrei voluto festeggiare le 600 gare in giallorosso con una vittoria sul Parma. Ora non dobbiamo mollare. Lo dobbiamo alla maglia e ai nostri tifosi».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>