Spalletti: “Con l’arrivo di Toni, la Roma è da scudetto”

di Redazione Commenta


Da La Gazzetta dello Sport:

«Mourinho è come Valentino Rossi: riesce a fare le curve, anche bendato, senza mai uscire di pista. Curve da scudetto». Luciano Spalletti va subito dritto al bersaglio. L’Inter ha una macchina formidabile e un pilota vincente. Il tecnico toscano ha la valigia pronta e un cellulare che scotta. Lo aspettano lo Zenit di San Pietroburgo e una campagna acquisti quantomai delicata. «Cosa lascio in Italia? Un’Inter quasi imbattibile. La squadra nerazzurra ha tutto per vincere un altro titolo: forza fisica, talento, esperienza».

Chi è la prima rivale dell’Inter? «La Juve. Il ritorno di Bettega vale come un grande acquisto, perché può riportare la pace tra tifosi e squadra. La Juve soffre la tensione. Tutto il calcio italiano soffre per le isterie degli ultrà: con questa tensione addosso i campioni rendono il cinquanta per cento in meno. Questo vale per la Juve, maanche per la Lazio, per il Torino. Per tutte le squadre che subiscono agguati da parte dei propri sostenitori».

Altre squadre da scudetto? «La Roma. Toni può essere la quadratura del cerchio: garantisce gol “sporchi”, inventati dal nulla. E’ importante che Toni sia arrivato a Roma con la benedizione di Totti». La Roma potrebbe cambiare modulo. «Forse passerà dal 4-2-3-0 dove lo zero è il Totti che fa il centravanti o che scompare per fare spazio ai compagni a un più classico 4-4-2. La Roma è qualcosa che mi è rimasta sulla pelle. Potrò indossare altri vestiti ma la Roma resterà la Roma”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>