A.S. Roma, nessuna nuova sul fronte bilancio: ancora segno meno

di A.B. Commenta


Da Il Sole 24 Ore:

La maglia della As Roma ognuno la vive a modo suo. Luca Toni, nel giorno del suo addio, ha spiegato che «l’Olimpico è una cosa che mette i brividi e giocarci indossando questa maglia è indescrivibile: non potrò mai dimenticare quella mia corsa sotto la curva Sud dopo il gol con l’Inter, e quella marea umana che sembrava venirmi incontro». Per Fabio Simplicio, che come Toni ha avuto un passato nel Palermo, «indossare la maglia della Roma è un onore», «un’occasione importantissima». Insomma, sia che siano in partenza sia che siano in arrivo, i giocatori hanno sempre un bel pensiero per i colori giallorossi.


Non come gli azionisti. A loro la maglia dell’As Roma va sempre un po’ stretta. Quando non arrivano voci di acquisizione il titolo scivola immancabilmente verso 0,60 euro. E da quando la Consob si è messa a presidiare la società di calcio con il blocchetto delle multe in mano le voci di scalate alla squadra sono quasi sparite. Le sparate delle radio giallorosse che annunciavano un’Opa dopo l’altra sulla Roma in arrivo sono un lontano ricordo e, l’ultimo bilancio, con ricavi in calo a 148 milioni, spese stabili a 158 milioni e risultato negativo per 1,6 milioni non sembra confortare gli investitori.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>