Sensi-Unicredit: oggi si decide

di Redazione Commenta

Dal Corriere della Sera:

Visti i precedenti, nessuna soluzione può essere esclusa a priori. A tre giorni dall’ultimo rinvio, Compagnia Italpetroli e Unicredit si ritroveranno a confronto oggi pomeriggio a Roma nello studio del presidente del Collegio arbitrale, il Professor Ruperto, per trovare la sospirata e definitiva conciliazione. Il Lodo è sempre dietro l’angolo, col rischio di una sentenza avversa che proietti Italpetroli sulla via del procedimento fallimentare. I legali delle parti stanno lavorando a uno schema d’intesa strutturale, secondo cui gran parte degli asset del gruppo Sensi, inclusa la Roma, saranno sacrificati per estinguere il debito di 325 milioni che la holding della famiglia deve alla Banca. C’è un’ipotesi concreta di un nuovo soggetto, la cosiddetta «newco», costituito per segnare un distacco del club calcistico rispetto alle altre attività petrolifere e immobiliari, controllata al 51% dai Sensi e al restante 49% da Unicredit, che avrà comunque in mano il destino della società giallorossa. Un transito tecnico obbligato, insomma, che passerebbe alla fase successiva nel momento in cui l’advisor, che curerà la valorizzazione del patrimonio Roma, identificherà un compratore affidabile. Solo a quel punto, Rosella Sensi uscirebbe definitivamente di scena. Come dire che attualmente non esistono i presupposti per lo sfratto esecutivo, sulla casa sarà affisso il cartello «vendita» e l’attuale occupante, da proprietario che era, resterà in affitto fino a data da destinarsi. Ma la Sensi accetterà questo traghettamento? Oggi il verdetto, salvo ulteriori colpi di scena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>