Roma: attacco super

di Redazione Commenta

Dal Messaggero:

Dopo tredici giornate, e soprattutto pesati i problemi di gran parte delle candidate al titolo, il campionato italiano esprime una certezza: nessun club ha il potenziale offensivo della Roma. Partendo da questo che è un dato di fatto, il gruppo giallorosso non può certo nascondersi di qui in avanti. Del resto, anche a parole, da un paio di giornate lo stesso Ranieri è abbastanza esplicito sulle chances della sua squadra di puntare allo scudetto. La considerazione parte dall’urgenza di tre grandi società di tornare sul mercato tra un mese e mezzo, approfittando della finestra di gennaio. Sono il Milan capolista, la Juventus che insegue e l’Inter che sbanda. Hanno bisogno di rinforzi lì davanti per restare competitive sino al traguardo e di cautelarsi se altri guai dovessero capitare loro durante il percorso. La Roma no, di punte ne ha anche troppe. Teoricamente sei, anche se tanta abbondanza è il caso di dividerla in due. Da una parte i tre titolari che si stanno abituando alla rotazione del sorriso, come dimostrano pacche, strette di mano e carezze tra loro e Ranieri al momento di un avvicendamento o di un ingresso in corsa: Borriello, Totti e Vucinic. Con il nuovo sistema di gioco, ne vanno in campo due. A loro bisogna aggiungere Menez che fa storia a sè. Con il nuovo assetto, come dice anche l’allenatore giallorosso, il francese è insostituibile. Non solo non partecipa al turn over, ma se esce difficilmente viene sostituito da una punta. Contro l’Udinese, al suo posto per mezz’ora Baptista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>