Totti: i dubbi di un capitano

di Redazione Commenta


Dal Messaggero:

Se n’era già parlato, ma passato un po’ di tempo, uno dice: «Alla fine Totti ci avrà ripensato, non vuole più smettere». Invece no, zero. Il capitano della Roma ha finito la stagione al meglio, risultando per la sesta volta consecutiva il miglior marcatore giallorosso in campionato, ha finito come eroe tra gli eroi, visto il secondo posto acclamato dalla gente come se fosse un primo, ma tutto è rimasto uguale dentro di lui. La rabbia è la stessa. Totti non ha preso una decisione definitiva, tentenna: smetto, non smetto. Dubbi pesanti. Non è una questione fisica, né di età, né per il fatto di avere le gambe imbrattate dai segni dei colpi di una carriera da numero uno. Niente di tutto ciò. E’ un fatto di anima. Lo scudetto gli avrebbe dato quella spinta: così chiudo in bellezza, aveva pensato. Ora – dopo il secondo posto – quel tormento è tornato. Chi me lo fa fare? Adesso Francesco è molto arrabbiato col mondo del calcio o con quella parte che gli ha dato addosso dopo i famosi pollici del derby, dopo il calcione a Balotelli. Tutto quel polverone, un continuo. Da sempre, poi. A Totti non viene perdonato niente. Lui ora ce l’ha con gli stessi che per lo striscione esposto su di lui dai calciatori dell’Inter domenica sera, non si sono scandalizzati più di tanto. E soprattutto non hanno preso (ancora) provvedimenti. Tutti troppo morbidi. E invece la sovraesposizione mediatica nei suoi confronti non la sopporta più. Non sopporta nemmeno essere sempre considerato il male di tutto, quello su cui puntare sempre il dito. Come alza (o abbassa) un pollice, o, sbagliando, commette un fallo di frustrazione si scatenano opinionisti, ministri, papi, capi di Stato, psicologi.
Il tutti contro Totti, insomma. Mi hanno lasciato solo, disse. E questo il suo stato d’animo. Alla fine – ne è convinto qualche sua amico stretto – non smetterà. Prevarrà l’amore per il calcio e per la sua Roma. Le vacanze gli consentiranno di staccare la spina e di ragionarci sopra. Ma per adesso, il dubbio rimane. E ne prendiamo atto. A Ranieri non ha detto nulla. Alla fine sarà una decisione tutta sua. Nessuno in società pensa a questa eventualità, quindi non si calcolano nemmeno gli eventuali sostituti. Deluso dalla mancata convocazione al Mondiale? No. «Ho stima di Francesco. Ho parlato con lui, anche Ranieri ha ammesso le difficoltà a giocare due partite in tre giorni», la parole del ct Lippi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>