Prandelli: “Calcio italiano in balia degli ultras”

di Redazione Commenta


Il Commissario tecnico dell’Italia, Cesare Prandelli, torna sull’intreccio calcio-tifoserie per sostenere quel che a suo tempo aveva già evidenziato Fabio Capello: il mondo del pallone tricolore sarebbe ostaggio degli ultras. L’ex viola: “La pressione delle tifoserie in certe città può essere forte e questo è un fatto noto. Per un tecnico non è facile il lavoro quotidiano e questa è una forma di violenza psicologica. In certi momenti devi mettere regole rigide. Non c’è neanche da discutere, solo da accettare. Poi, certo, serve anche il dialogo: perché sono convinto che la maggior parte dei tifosi sia contro la violenza. Oggi è imbarazzante commentare fatti come quelli degli ultrà bergamaschi: sono 40 anni che lo facciamo. Siamo tutti concordi nel condannare la violenza. E allora dobbiamo farlo anche con quella verbale o psicologica. Ieri ho visto troppi settori vuoti negli stadi, alla prima di campionato. Forse sarebbe il caso di riempirli di bambini, per responsabilizzare il nostro calcio“.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>