Leonid Fedun: il magnate russo che vuole la Roma

di F. Cav. Commenta

 La notizia arriva dalla Russia. Leonid Fedun vuole la Roma. L’attuale vicepresidente della Lukoil sarebbe interessato alla’acquisizione della società giallorossa. Secondo le indiscrezioni raccolte dal sito russo lifenews.ru, Fedun potrebbe acquistare prima il 50% delle azioni della Roma, poi il prossimo anno un altro 35% per avere nel 2012 il controllo completo del club. Ma chi è Leonid Fedun? Nato a Kiev il 5 aprile del 1956, si è diplomato all’accademia militare dove ha lavorato come insegnante di economia. Dal 1994 è vicepresidente della Lukoil, una delle più grandi compagnie petrolifere al mondo, le cui principali attività sono l’esplorazione e la produzione di petrolio e gas, la produzione di prodotti petroliferi e petrolchimici, e la loro commercializzazione. Fedun è anche azionista della Lukoil, al momento sarebbe in possesso del 6% delle azioni. Ma la cosa che lega il magnate russo alla Roma è  Rothschild. Infatti in passato la compagnia petrolifera ha concluso diversi affari con la banca tedesca e Fedun sarà sicuramente uno di quei personaggi, che l’advisor scelto dalla famiglia Sensi  interpellerà per vendere l’As Roma. Fedun acquisterebbe la società giallorossa con beni personali. Lo ha affermato il portavoce della Lukoil al sito russo lifenews.ru ndo precisando che “L’impegno della compagnia petrolifera nel calcio si limita alla sponsorizzazione dello Spartak Mosca che appartiene al signor Fedun”. Quest’ultimo, quindi, non è un soggetto estraneo al mondo del calcio. Infatti dal 2003 è proprietario dello Spartak Mosca, che ha acquistato per poco più di 70 milioni di euro. Attualmente la sua squadra si trova sesta in classifica molto distaccata dallo Zenit di Spalletti primo.

F.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>