Zeman: “Calciopoli mi ha dato ragione, la mia Roma subì torti arbitrali”

di Redazione Commenta


Le dichiarazioni di Zdenek Zeman a Super Tennis:

“Quello che è successo nel 1998 non ha cambiato soltanto la mia vita, ma anche quella delle squadre che ho allenato a quel tempo. Durante la mia esperienza con la Roma, per esempio, siamo stati vittime di una serie di ingiustizie arbitrali evidenti. Quello che è accaduto qualche anno dopo con Calciopoli ha dimostrato che avevo ragione. In fondo il doping non è soltanto relativo al calcio: ci sono anche altri sport come il nuoto, l’atletica e anche il tennis in cui il doping è presente, oltre al ciclismo del quale tanto si parla. Il mio connazionale Petr Korda ne è stato un esempio. Non ho dubbi: rifarei tutto quello che ho fatto, sono pronto anche a tornare, ma forse sono gli altri che non sono pronti al mio ritorno”. Poi ancora: “Penso di essere stato amato ovunque io abbia allenato: le esperienze che ricordo con piacere sono quelle di Licata e Foggia, oltre che quelle romane sia con la Lazio che con la Roma. Devo però ammettere che i nove anni che ho trascorso a lavorare nel settore giovanile del Palermo sono stati splendidi, perchè è sempre bellissimo vedere i ragazzi crescere e migliorare. Tanti di quei giocatori ancora mi ringraziano. Sono contento di averli cresciuti atleticamente, ancora più che tecnicamente. Le società attuali dovrebbero investire di più sui giovani e garantire loro strutture ad hoc per poter consentire la loro crescita sportiva. Lo sport, però, è ormai diventato un business”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>