Spalletti non si sbilancia: “Il futuro si vedrà alla fine”

di A.B. Commenta

Conferenza stampa insolita per Luciano Spalletti: a poche ore dalla gara con il Chievo Verona, il tecnico della Roma ha manifestato per la prima volta dubbi sul suo futuro in giallorosso dopo le polemiche roventi del dopo Firenze. Spalletti è stato chiarissimo e le sue parole non lasciano intendere nulla di sicuro in prospettiva prossima:

“Il mio futuro si deciderà tra un mese.  Con la dottoressa Rosella Sensi mi rivedro’ a fine stagione e poi si faranno i bilanci. Si tireranno le somme di quello che è stato il lavoro di tutto l’anno. I rendiconti si faranno in quel momento, in base al lavoro fatto ed ai comportamenti avuti. Qualcosa e’ cambiato, nel senso che prima si facevano risultati migliori ed ora peggiori, e questo sposta le cose in un ambiente dove la forza sono i tifosi. Io faccio parte del gruppo e devo adeguarmi a quelle che sono le prese di posizione da parte della società. La Roma è ancora in corsa per il quarto posto, ma l’attenzione è riservata ad altro”.

Chiaro ed esplicito, su questo punto.

“Non vuole essere una attenuante, solo dato oggettivi. E’ stata una settimana molto delicata, adesso spetta al campo dare il verdetto se la crisi è finita. Sarà una gara molto ostica, loro stanno lottando per un obiettivo che per una cittadina come il Chievo Verona equivale alla Serie A. Noi però dobbiamo metterci tutto l’orgoglio ed il cuore per uscire da questa situazione. Lo dobbiamo a noi stessi e ad una piazza che in questi anni ha sempre mostrato un attaccamento encomiabile”.

Spalletti chiude la conferenza stampa con una precisazione:

“La decisione di parlare con il presidente è nata da un’idea dei ragazzi, io non c’entro nulla. La interpreto come una spinta, un prendersi le proprie responsabilità. I ragazzi hanno avuto un dialogo molto schietto con la dottoressa, anche questo è molto importante. Non è vero che ci sono rimasto male, ripeto è stata una scelta fatta dai giocatori e che la dirigenza ha accolto positivamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>