Roma – Genoa, ipotesi di scambio: Doni per Sculli

di Redazione Commenta


Il Corriere dello Sport:

Vendere, vendere, vende­re, possiamo fare solo questo. Ieri Claudio Ranieri è stato molto chia­ro e deciso a proposito delle even­tuali operazioni di mercato che la Roma potrà fare, pare solo in un senso, in questa finestra di mercato invernale. C’è l’esigenza di ridi­mensionare il monte ingaggi e, pu­re, di sfoltire una rosa che il tecni­co considera tuttora troppo nume­rosa. Così a forza di dire che bisogna vendere, dalle parti di Trigoria stanno arrivando segnali a proposito di alcuni giocatori che tutto sono meno che di se­conda fascia. Cioé: Doni, Vucinic, Pizar­ro. Oltre a segnali di forte inquititudine da parte di Rosi che, ieri, quando non ha visto il suo nome nel­l
a lista dei convocati, si è arrabiatello anzi­cheno, al punto da ri­tenere che nei pros­simi giorni possa fare nuovamente le valigie e salutare (Bologna favo­rito sull’Udinese).
DONI – Se mai ne avesse avuto biso­gno, ieri Doni ha avuto la conferma che Julio Sergio continuerà a esse­re il titolare. Lui, Doni, peraltro è convinto di potersi giocare il posto, ma è anche vero che a Trigoria, se si presentasse l’occasione giusta, potrebbero prendere la decisione di cedere il giocatore che ha pure l’ag­gravante, si fa per dire, di un ingag­gio assai importante. Il Malaga, do­po Julio Baptista, non si è fatto più sentire, così come l’Aston Villa. A questo punto potrebbe prendere corpo l’ipotesi di una pista italiana. Che potrebbe pure garantire un ar­rivo in giallorosso. Stiamo parlando del Genoa dove hanno capito che Eduardo non è Zamora e sono in cerca di un portiere. Perché, allora, non provare a fare uno scambio con Sculli? Il discorso è alle prime bat­tute, ma nei prossimi giorni potreb­be diventare molto più concreto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>