Roma – Vucinic: qualcosa non va

di Redazione Commenta


Spread the love

 Sono bastate una sostituzione (a Parma) e un allenamento con schieramento tra le riserve (ieri a Trigoria) per scatenare le voci di un addio: Mirko Vucinic, si legge nell’edizione odierna di Leggo, sarebbe sempre più attratto dal richiamo delle squadre inglesi. Stando alla tesi sostenuta dalla testata, l’eventuale cessione del montenegrino consentirebbe alla Roma di appianare il debito riscontrato in fase di chiusura dell’ultimo esercizio di bilancio. Testuale:

Sostituito con il Parma, inserito in allenamento nel gruppo B (quello delle riserve) e ammaliato sempre più dalle sirene inglesi. Mirko Vucinic è passato in pochi mesi da uomo dei sogni (quelli di uno scudetto sfumato all´ultimo) a uomo di troppo. Chelsea, City e Tottenham sono da tempo sulle tracce del montenegrino e lui non ha fatto nulla per nascondere la sua voglia di Premier: «Il campionato inglese è uno dei più belli al mondo. Chi non vorrebbe giocarci?». Dichiarazioni rilasciate quando era in ritiro con la sua Nazionale. Proprio con la maglia del Montenegro Vucinic ha offerto le prestazioni più convincenti rimediando però due infortuni che non hanno fatto felice Ranieri. Ieri il tecnico lo ha declassato nel gruppo B (insieme con Loria e Antunes per intenderci) anche se da Trigoria fanno sapere che si tratta di motivi fisici. Quel che è certo è che Vucinic non gradisce il nuovo ruolo impostogli da Ranieri. Nei 50 minuti giocati a Parma, l´attaccante si è spesso lamentato con il tecnico che gli chiedeva compiti di maggiore copertura: «Mister fammi giocare», ha urlato. Poi la sostituzione e la rabbia sfogata in panchina. Oltre all´equivoco tattico, Vucinic non ha gradito che la società abbia legato a sé Adriano e Borriello con contratti superiori a quello fatto firmare a lui soltanto un anno prima (Vucinic guadagna 2,5 milioni, Adriano e Borriello poco più di 3). Ad alimentare le voci di mercato intorno all´attaccante ci sono poi i tabellini di Champions: zero presenze in tre partite. Se non dovesse giocare neanche contro il Basilea è plausibile pensare a un suo trasferimento a gennaio (in questo caso infatti potrebbe giocare la Champions con un´altra squadra) anche per coprire il nuovo debito della Roma emerso dall´ultimo bilancio (circa 20 milioni).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>