“Tutta la rabbia della Roma”

di Redazione Commenta


Da Il Corriere dello Sport:

Al fischio finale di Morganti se ne è andato di corsa negli spoglia­toi, dopo aver ricevuto ´l’abbraccio del fisioterapista Cotti e uno sguardo d´in­tesa con Pellizzaro, il compagno di mille battaglie. Claudio Ranieri ha vinto la sua partita più importante, ha ritrovato la Roma che con questi tre punti può ripartire e guardare avanti con ottimismo: «E´ presto per dire che la Roma sia guarita. Ha preso una buona medicina. Battere l´Inter fa sempre bene, i ragazzi ci hanno sem­pre creduto, fino in fondo. Questa è la vittoria della volontà, dell´abnegazio­ne, di un gruppo uni­to ». Ha imbrigliato l´In­ter sul piano tattico. A cominciare dalla mossa di Perrotta su Maicon: «Loro hanno avuto buone occasio­ni da gol, noi abbia­mo vinto all´ultimo respiro. Ma la squadra è coesa, c´è sta­ta una grande prestazione da parte di tutti. I primi a soffrire sono i giocatori quando le cose non vanno e non san­no spiegarsi il perchè.

Quello spirito l´avevo ritrovato anche a Brescia. I ra­gazzi lo sanno, possono vincere contro chiunque. Siamo sulla buona strada. Non stavamo benissimo e questo risul­tato sarà importante perchè ci darà entusiasmo. Ma ora abbiamo una par­tita importante martedì con il Cluj ». Minimizza il caso Totti, che non ha preso bene la sostituzione: «Francesco aveva lottato come un leone, era un punto di riferimento per tutti noi. Il cambio è stato un azzardo, non perchè stava giocando male. Ma ho preferito inserire Vucinic che con la sua veloci­tà poteva mettere in difficoltà la difesa nerazzurra che era stanca e lenta. Lucio aveva qualche problema, non scendeva mai. Ci può stare che Totti sia deluso, a mente fredda sarà più tranquillo. Non credo che diventerà un problema, è un ragazzo intelligen­te. Aveva fatto una partita stupenda, da capitano, ma in quel momento ave­vo bisogno di tentare il tutto per tutto. Credo che pur amareggiato Francesco capirà, i tre punti gli renderanno la se­rata meno amara» . A Totti aveva chiesto una posizione più arretrata: «Ne avevamo parlato di giocare più basso, tra le linee, perchè la differenza sostanziale di questa In­ter da quella di Mourinho è che quel­la rientrava sempre con tutti i giocato­ri e questa riparte subito. Quindi Totti in quella posizione poteva creare dif­ficoltà » . Chiarisce anche il caso Adriano: «Lo avevo chiamato dopo il riscaldamen­to. Gli ho detto sei pron­to? Mi ha detto che non si era riscaldato abba­stanza, allora l´ho chie­sto a Baptista e lui mi ha detto che se la sentiva. Non potevo aspettare» . Con il 4-4-2 è riuscito a far ripartire la Roma: «Non ho mai sposato un modulo, io scelgo i giocatori. Non avendo un modulo fisso mi sono sem­pre adattato ai giocatori che ho, sem­pre con equilibrio. Certo, mi piacereb­be giocare anche con il 4-3-3 ma se non riusciamo a tornare sulle fasce ci scopriamo sugli esterni. Non sono an­corato a un sistema di gioco, l´impor­tante che la squadra sappia adattar­si » . Ha ritrovato la sua squadra: «Le differenze con l´Inter si sono viste, ma noi ci abbiamo messo più rabbia. Il ri­torno della Roma, anche sul piano del gioco, è dovuto al fatto che ho recupe­rato giocatori importanti. Contro l´In­ter c´era un solo giocatore nuovo in campo, Borriello» . Promuove Mor­ganti dopo la bufera di Brescia: «Otti­mo arbitraggio, a me Morganti è sem­pre piaciuto» . Prova a disegnare nuo­vi scenari per la Roma: «Io penso che questa squadra debba cercare di mi­gliorare quello che ha fatto lo scorso anno, sarà più difficile perchè anche le altre si sono rinforzate e sono parti­te a mille all´ora» .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>