Roma, lo sconforto di Perrotta è preoccupante

di Redazione Commenta


Da Il Corriere dello Sport:

Per capire lo stato d´animo di questa Roma sarebbe stato sufficiente ie­ri sera vedere la faccia di Si­mone Perrotta.
REQUISITORIA –
Uno dei dopo partita più tristi e preoccupati degli ultimi anni. Ha parlato di pro­blemi che arrivano da lontano: «Il Napoli ha me­ritato di vincere. Il nostro entusiasmo, come si può vede­re, non è al massimo. I proble­mi penso che li conoscete an­che voi, stiamo vivendo una si­tuazione che ci stiamo trascinando dietro da tempo. La questione societaria? No, non è questo il problema. Certo, non posso nascondere, che in certe situazioni, soprattutto difficoltà, sarebbe utile avere alle spalle una società.

Non voglio spiegare che tipo di pro­blemi ci sono, posso dire però che, certo, non aver vinto lo scudetto nella passata stagio­ne, può averci tolto qualche cosa dal punto di vista dell´en­tusiasmo. L´allenatore? Come sempre ha fatto questo grup­po, faremo quadrato con lui per cercare di continuare a fa­re bene».
FUTURO – Il rischio a questo punto che la stagione possa trasformarsi in un mezzo falli­mento. Tra appena tre giorni ci sarà all´Olimpico un appun­tamento fondamentale, la sfi­da d´andata negli ottavi di fi­nale della Champions League contro lo Shakhtar: «Non riusciamo a restare compatti. Spesso gli attaccanti restano da soli e devono inventarsi qualcosa. E´ un momento in cui non capiamo bene le situa­zioni in campo. Si deve riflet­tere e analizzare bene la situa­zione perché mercoledì prossi­mo siamo attesi da una grande partita. Per il campionato c´è da dire che con questa sconfit­ta abbiamo lasciato tanto per quel che riguarda il discorso per il primo posto. Ora il no­stro obiettivo è quello di con­quistare uno dei primi quattro posti per qualificarci alla prossima Champions League».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>