Ranieri e il fantasma Lippi

di Redazione Commenta


Dalla Gazzetta dello Sport:

Ecco, torna buona quella frase che Eduardo De Filippo fa dire al protagonista di una delle sue commedie più celebri: “I fantasmi non esistono, li creiamo noi, siamo noi i fantasmi!”. Non è per infierire che si ricorre al teatro napoletano, ma per un’evidente assonanza: l’ultima versione di Claudio Ranieri ci presenta un allenatore confuso e un’anima in pena, che – come il Pasquale Lojacono di Questi fantasmi – sente continuamente fieto di miccio (tradotto: puzza di bruciato) intorno a sé. Anzi, più precisamente, l’odore inconfondibile di un sigaro Toscano. “C’è chi naviga nell’ombra” disse guardandosi intorno sospettoso alla vigilia di Roma-Bologna, e dopo rese ancor più chiaro il riferimento. “Del resto, capitò già alla Juventus“. Dunque, il fantasma di Lippi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>