Pizarro: “Va tutto male, ma siamo una grande squadra”

di Redazione Commenta


Dal Corriere dello Sport:

Il cileno ha gli occhi di chi ha un diavolo per capello. Dà proprio l’impressione di uno che non riesce a capacitarsi di questa partenza sbaglia­ta di una Roma che in estate, per la pri­ma volta, aveva definito da scudetto. Qui all’Al­lianz Arena, invece, ha dovuto prendere atto che pure in Champions la partenza è stata sba­gliata, un’altra sconfitta che fa male al cuore e alla testa, un altro rinvio per quel ritorno alla vit­toria che ormai manca dall’ultima ami­chevole del ritiro a Riscone di Brunico, un’altra notte di pensieri negativi. Eppure il primo tempo, complice probabilmente un Bayern Monaco che nel suo piano partita dove­va aver previsto i primi quarantacin­que minuti come una sorta di allena­mento lento davanti a sessantaseimila spettatori, di cui circa tremila arrivati da Roma che mentre scriviamo stanno ancora lì a cantare, la Roma tutto era sembrato meno che una squadra con mille interrogativi senza risposta. Ma­gari sarà dipeso dal fatto che ha pensa­to a non far giocare gli altri, piuttosto che a provare a giocare: «Sono deluso e incazzato, concedetemi il termine. Quest’anno non ce ne va bene una, ma io resto convinto che questa sia una grande Roma. Abbiamo giocato un buon primo tempo, pra­ticamente non conce­dendo nulla ai nostri avversari che di fatto non hanno mai preso la porta. L’unica occasio­ne da gol del primo tempo è stata nostra e qualcuno mi ha detto che poteva starci un ri­gore a nostro favore. Ma certo non vo­glio parlare dell’arbitro, non c’entra niente. Nella ripresa la situazione è un po’ cambiata, loro hanno velocizzato un po’ il loro gioco, hanno spinto con sempre maggiore convinzione, hanno voluto vincere la partita e alla fine ci sono riusciti segnando un gol realizza­to da un grande giocatore perché Mul­ler mi ha fatto davvero un’impressione notevole, è proprio forte. E meno male che stasera il Bayern non aveva Ribe­ry e Robben perché quei due sono quel­li che gli garantiscono il cambio di rit­mo».


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>