Pagelle Roma-Napoli 2-1: Lamela inventa, Destro e Marquinho finalizzano

di Mattia83 Commenta


Lobont voto 5,5: Resta inoperoso per quasi tutta la partita. Sull’unica conclusione verso lo specchio della porta giallorossa smanaccia male rinviando addosso a Calaio e sul rimpallo Cavani da due passi segna il gol del 2-1 che riapre la gara.

Torosidis 6: Non concede molto a Zuniga, suo diretto avversario, ma è troppo timido quando si tratta di spingere e si fa vedere troppo poco in avanti: le sue discese sulla fascia si contano sulle dita di una mano. Esce nel secondo tempo per un problema alla caviglia sinistra.

Burdisso 6,5: Si fa saltare di netto da Cavani solo in un occasione, al 15′ quando l’uruguaiano va al tiro. A parte questa piccola disattenzione la sua è stata una partita di grande spessore: l’argentino è sempre stato ben posizionato e ha vinto praticamente tutti i duelli aerei.

Castan 6,5: Bravo nelle chiusure difensive ma anche in fase d’attacco. E’ da una sua incursione offensiva che è nata l’azione che ha portato al vantaggio giallorosso siglato da Marqinho.

Dodo’ 7: Ormai è chiaro: il brasiliano è un giocatore pienamente recuperato e se continua così la maglia da titolare sulla fascia sinistra della Roma sarà sua a lungo. Oggi doveva fronteggiare un cliente difficile come Maggio, ebbene il duello è stato nettamente vinto da Dodo’ che ha surclassato il laterale della Nazionale e con le sue continue discese sulla fascia ha creato scompigli nella retroguardia napoletana.

Bradley 6,5: L’americano da il suo solito contributo pressando a tutto campo i portatori palla del Napoli. Si fa apprezzare anche per alcuni ottimi disimpegni nella trequarti difensiva giallorossa.

Tachtsidis 5,5: E’ più dinamico rispetto al solito ma è lento e impreciso nel dettare i ritmi di gioco. Non è sereno, gioca con la paura di sbagliare e si vede, ma questo è anche comprensibile se si tiene conto del fatto che è stato fischiato, come di consueto, già durante la fase di riscaldamento ancora prima di entrare in campo.

Marquinho 7: Un moto perpetuo sulla corsia mancina. Porta la Roma in vantaggio con un bolide da fuori area scagliato verso la porta del Napoli con il piede ‘sbagliato’: il destro. Corre molto sacrificandosi anche nei ripiegamenti difensivi.

Pjanic 6: Nella prima frazione di gara soffre molto la pressione di Behrami che gravita dalle sue parti e non lo lascia ragionare. Cresce alla distanza e dai suoi piedi partono alcune interessanti trame offensive.

Lamela 7,5: Regala due assist ai propri compagni. Il primo, quello a Marquinho, a dire il vero è ‘involontario’: il cross di Castan gli sbatte addosso senza che l’argentino riesca a controllarlo ma diventa ugualmente un perfetto appoggio all’accorrente esterno brasiliano. Il secondo, invece, è una grande passaggio filtrante che libera Destro davanti al portiere del Napoli. Oltre a questo continui ripiegamenti difensivi e colpi di classe degli di un campione che l’argentino partita dopo partita sta confermando di essere: il sombrero con cui beffa Armero è un autentico colpo di genio.

Destro 7: Sbaglia un gol che sembrava fatto tirando sul palo da pochi passi. Si riscatta nel secondo tempo quando non sbaglia la palla gol che gli serve Lamela, dribblando Rolando e insaccando alle spalle dell’estremo difensore partenopeo. Con la sua prestazione, convincente anche sul piano fisico, e ne sono testimonianza il pressing sui portatori palla del Napoli e il continuo movimento per liberarsi della marcatura dei difensori napoletani, si è sicuramente portato in vantaggio nelle gerarchie di Andreazzoli su quello che sarà il centravanti titolare nella finale di coppa Italia contro la Lazio.

Maciej Lesiewicz


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>