Ivan Basso Re del Giro d’Italia: lui milanista, il figlio Totti-dipendente

di Redazione Commenta


Tanto di cappello a Ivan Basso che, dopo la squalifica di due anni per l’utilizzo di pratiche dopanti (l’autoemotrasfusione) al fine di garantirsi prestazioni migliori e competere con i più forti per le grandi corse a tappe, ha compiuto un capolavoro. Rientro nel contesto professionistico e vittoria del Giro d’Italia 2010 con passerella trionfale nell’Arena di Verona.
Tra i successi del lombardo, rimarrà indelebile quello conseguito nel corso della 15a tappa che da Mestre portava sul Monte Zoncolan: tutti a ruota con distacchi di oltre un minuto. A questo punto, la stella della Liquigas ha messo in cantiere il secondo trionfo di carriera nella corsa italiana più famosa. Per Basso, la cui ciliegina sulla torta è rappresentata dall’arrivo del terzogenito, una prima parte di 2010 da incorniciare. Dal punto di vista calcistico, invece, resta ancora in attesa di tornare a fare festa con il suo Milan, reduce da stagioni poco esaltanti. Nonostante ciò, tuttavia, il piccolo figlio del corridore, Santiago, si segnala per la passione per il Capitano giallorosso. Lo rivela proprio il papà: “Milanista come me? No, per ora è solo Totti dipendente“. Come dire: in ambito calcistico, l’allievo ha già superato il maestro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>