Adriano-Roma: oggi vertice decisivo a Trigoria

di Redazione Commenta

Dal Romanista:

Adriano si pente ma il tempo delle scuse è finito: la situazione è irrecuperabile. Ieri, davanti ai microfoni di Sky Sport, il brasiliano ha spiegato il motivo per cui non si è presentato alla visita di controllo in programma domenica scorsa: «Avevo appuntamento sabato 26 in clinica, poi la visita è stata spostata a domenica 27 a Trigoria. Pensavo di dover fare le lastre, di avere bisogno di attrezzature che lì non ci sono. Ero arrabbiato, non sapevo cosa fare». Motivazioni seguite, poi, dal mea culpa: «Ho fatto male a me stesso, chiedo scusa a tutti. In questo anno mi sono fatto male tre volte, non sono riuscito a dare il mio contributo ai compagni e questo peggiora le cose. Giochi poco, pensi tanto e finisci per fare uno sbaglio. Oggi (ieri, ndc) però ho fatto tutto con il dottore ed è andato bene. Il futuro? Vediamo, con queste polemiche è difficile da capire. Se vogliono parlare sono qui, ripeto, ho sbagliato, ma a questo punto dipende dalla società». La società, però, non vuole più sottostare ai capricci e alla mancanza di professionalità. Oggi a Trigoria, infatti, si svolgerà la decisiva riunione per il futuro del giocatore. Da una parte Pradè e Montali, dall’altra l’agente italiano di Adriano, Roberto Calenda e, nel caso non riuscisse a garantire la presenza fisica, al telefono ci sarà Gilmar Rinaldi, il suo storico procuratore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>