Abel Balbo, il primo storico attaccante della Roma targata Sensi

di Gianni Commenta

Correva l’anno 1966 quando a Santa Fe, nello specifico a Empalme Villa Constitucion nasceva un certo Abel Eduardo Balbo. Un nome che i tifosi dell’Udine, ma soprattutto della Roma impareranno ad amare e non poco. Fin da subito ha in mente solamente la palla, ma anche a scuola se la cava alla grande, dal momento che risulta essere sempre uno dei migliori della classe.

A lasciare tutti senza parole, però, è sul campo da calcio e, in modo particolare, in area di rigore dove si dimostra fin da subito un cecchino infallibile. A soli 17 anni diventa il talento più splendente di tutto il calcio argentino e l’Indipendiente non può che farci un pensierino e cercare di portarle tra le sue fila.

Eppure, per coincidenza e per un destino probabilmente già scritto, Balbo finisce al Newell’s Old Boys: indovinate chi alleva quella squadra? “El Loco”, Marcelo Bielsa. Con lui, Abel Balbo esordisce subito in prima squadra e ci mette ben poco a prendersi il posto da titolare. Le sue qualità fisiche e tecniche non sono in discussione: fisico notevole, ma un tocco di palla importante. Riesce a correre in contropiede ed è difficile che possa sbagliare in area di rigore. DI testa è un portento e il suo tiro è uno dei più potenti in squadra.

Ai tempi, per poter seguire le prestazioni dei migliori talenti argentini non c’era certamente tutta la tecnologia presente ai giorni nostri. Adesso, infatti, ci sono tantissime app per dispositivi mobili, ad esempio, che offrono la possibilità di scoprire tutti i risultati dei vari campionati e scovare ogni informazione possibile. Le app, però, esistono praticamente per ogni attività.

Per i ricambi auto il negozio shopricambiauto24.it, ad esempio, è una delle migliori soluzioni: completa, efficace e veloce, si può scaricare in men che non si dica anche dal Play Store. Si tratta di una soluzione davvero perfetta per tutti coloro che fanno sempre una gran fatica a trovare dei ricambi per la propria auto a dei prezzi vantaggiosi: in questo modo, si può gestire l’acquisto direttamente dal proprio smartphone, in modo semplicissimo ed estremamente rapido.

App del settore automobilistico rafforzano il connubio calcio – motori, che da sempre sopravvive e si rafforza grazie ad importanti sponsorizzazioni. La Roma consolida il proprio legame con Hyundai con un accordo da 10 milioni di euro fino al 2021, prendendo il posto di Kia, Volvo e Nissan, che hanno garantito introiti interessanti al club capitolino negli ultimi anni.

Con la fama di autentico centravanti di razza, Balbo finisce prima al Verona, poi torna al River Plate in prestito e infine all’Udinese. In Friuli segna valanghe di gol, al punto tale che la Roma è la più lesta di tutti nell’aggiudicarselo battendo la concorrenza. Si tratta del primo grande bomber comprato da Franco Sensi.

Ritornando, con un pizzico di nostalgia, alla Roma di Sensi, si parla di Balbo, che dal 1993, con la maglia giallorossa ci mette ben poco a farsi amare dai tifosi: il modo migliore per farlo sa già qual è, ovvero segnare, grazie all’assistenza di partner in attacco di grande qualità, come Fonseca ed il giovanissimo Francesco Totti. Bellissimo il gol contro la Juventus, acerrima nemica, sotto la Curva Sud all’esordio. È un tripudio: segna e fa da sponda per i compagni, la sua avventura in giallorosso terminerà solo con l’arrivo di Zeman. Infatti, il rapporto con il tecnico boemo non funziona e viene ceduto al Parma, trovando poi una seconda giovinezza anche alla Fiorentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>