Le pagelle di Juventus-Roma: Totti la spada, Mexes lo scudo. Menez a metà…

di S.D.S. Commenta

Juventus-Roma, le pagelle:

Julio Sergio 6,5: Chiude bene lo specchio a Iaquinta dopo pochi minuti di gioco. Non ha colpe sul gol. Non si fa sorprendere da un tiro velenoso di Quagliarella.
Cassetti 6: Ingaggia il duello con Grosso: lo contrae bene e gli mette pressione quando si sgancia. Si macchia di qualche sbavatura. Dal 1′ st Rosi 6: Offre una discreta spinta, ma in fase difensiva lascia ancora a desiderare.
Mexes 7,5: Soffre nel primo tempo quando gli attaccanti bianconeri aggrediscono la profondità. Concede qualche metro di troppo a Iaquinta, che ne approfitta in occasione del vantaggio. L’intervallo lo restituisce al campo rigenerato: il suo secondo tempo è impressionante, i salvataggi che compie superano di gran lunga gli errori dei primi quarantacinque minuti di gioco.
Burdisso 6,5: Dalle sue parti gli avversari hanno vita durissima. Detta i tempi della difesa, si integra sempre meglio con Mexes.
Riise 5: Sbanda sulle accelerate di Pepe, stenta ad approfittare degli spazi. Non appare lucidissimo nella gestione di alcuni palloni. Che perde in malo modo.
Simplicio 6
: Un filtro costante al servizio dei compagni. Prova anche ad inserirsi negli spazi. Risulta fastidiosissimo ai suoi dirimpettai. Nel finale si fa sorprendere da Felipe Melo e dal terreno scivoloso.
De Rossi 7: Solido. Legge bene la partita. Da quando gioca davanti alla difesa è tornato ai livelli che gli competono.
Greco 6,5: Gioca in scioltezza. La personalità con cui la Roma impone i propri ritmi a Torino passa anche per i piedi del centrocampista romano. Un veterano con cinque presenze in serie A. Dal 30′ st Brighi sv.
Menez 6: Scende in campo con insolita tigna. Il giallo in avvio è il rovescio della medaglia, dall’altra parte però ci sono dribbling, palloni rubati e una conclusione con cui chiama al volo Storari. Nella ripresa sparisce dal campo. Così è Menez.
Totti 6,5: Vince il ballottaggio con Borriello, anche se non agisce propriamente da prima punta. Entra subito nel vivo del gioco, distribuisce a destra e a sinistra, fatica però ad arrivare alla conclusione. Così capitalizza al massimo i due calci piazzati di cui beneficia sul gong del primo tempo: con uno si conquista il rigore, con l’altro fredda Storari. Digiuno in campionato spezzato. Finalemente. Dal 23′ st Borriello 6: Dispone di pochissimi palloni giocabili. Lotta, ma non lascia il segno.
Vucinic 6: Si muove molto, purtroppo il più delle volte a vuoto. Cerca fortuna con il sinistro, ma la sua stella oggi non lo assiste. E’ evanescente, ma non va confuso con il Genio svogliato e indolente. L’impegno, insomma, ce lo mette.
All. Ranieri 6: Con i risultati ha preso coraggio. Così schiera Vucinic, Menez e Totti dal primo minuto. La sua Roma, però, soprattutto in fase offensiva, sembra più aggrappata ai guizzi dei singoli, che a schemi collaudati. Gli va riconosciuto di aver saputo infondere certezze ai suoi ragazzi.
S.D.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>