Le pagelle di Roma-Lazio

di Redazione Commenta

 

Le pagelle di Roma-Lazio:

Doni 6: Svolge bene l’ordinaria amministrazione senza dover compiere interventi di grande rilievo. Puntuale nelle uscite.

N. Burdisso 7,5: Vince il duello tutto argentino con Zarate sulla fascia destra, ed è bravo sul finire del primo tempo ad anticipare Floccari lanciato a rete. Nella ripresa la musica non cambia, dalle sue parti non passa mai nessuno.

Mexes 6,5: Tiene bene a bada Floccari che non la prende quasi mai in area di rigore. Di testa non sbaglia un colpo.  

Juan 6,5: Sul finire del primo tempo ha la palla per portare in vantaggio la Roma, ma Ledesma da pochi passi ribatte il suo tiro a botta sicura. In difesa se la cava bene prima su Kozak e poi su Floccari non andando mai in difficoltà nell’uno contro uno.

Riise 6,5: Molto attivo nei primi minuti di gioco, John è attento anche in fase difensiva limitando al meglio le discese di Sculli che si aggira dalle sue parti. Finalmente gioca una partita intera senza commettere errori. In ripresa.

Pizarro 7: Si dimostra ancora una volta fondamentale per il gioco della Roma, dettando i tempi di gioco alla squadra. La traversa ad inizio partita gli nega la gioia del gol. Nella ripresa si va a conquistare il calcio di punizione che Totti poi trasforma portando in vantaggio la Roma. Determinante.

De Rossi 6,5: Risponde alle critiche che gli sono piovute addosso in settimana con un’ottima prestazione fatta di tanta sostanza, ma anche di qualità. Vince nettamente il duello a centrocampo con Ledesma che viene espulso nel finale.

Menez 5: Non entra mai in partita sbagliando anche tanti appoggi semplici per i compagni. Prova spesso il dribbling, ma non riesce mai a saltare il diretto avversario. Montella all’ 11′ del secondo tempo lo sostituisce giustamente con Taddei 6: che entra e svolge il suo compito senza strafare.

Perrotta 6,5: Si danna l’anima a centrocampo correndo su tutti i palloni senza mai fermarsi. Ne recupera tanti e prova spesso anche l’inserimento in attacco senza rendersi mai pericoloso.

Vucinic 6: Si sacrifica in fase difensiva aiutando Riise da quella parte, dove spingono Lichtsteiner e Sculli. Non è pericoloso in fase conclusiva, ma si segnala per qualche buon assist per i compagni. Nel finale viene sostituito da Simplicio 7: che entra e si conquista il rigore del 2-0.

Totti 8: Svaria sul tutto il fronte di attacco venendo incontro ai compagni e cercando palle giocabili. Non si ferma un attimo dimostrando un’ottima condizione atletica. Con un bolide dei suoi, complice anche Muslera, porta in vantaggio la Roma tornando a segnare un gol nel derby dopo tanto tempo. Trasforma anche il rigore che chiude la partita correndo sotto la sud sventolando la maglia numero dieci. Decisivo.

Montella 7: Vince il suo primo derby da allenatore non sbagliando una mossa. Azzecca tutti i cambi durante la partita dimostrando di saperla leggere come un allenatore esperto. Complimenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>