Italia-Paraguay, De Rossi: nessuno come te

di Redazione Commenta

Dal Romanista:

La sua immagine più bella non è quella dell’esultanza. Neanche l’abbraccio con Pepe o il testa a testa con Gattuso, subito dopo il gol. Nemmeno la scivolata che consegna all’Italia il pareggio contro il Paraguay è bella e intensa come la faccia di De Rossi al 39’: Alcaraz ha appena segnato «un po’ anche per colpa mia», l’Italia è sotto, il Mondiale inizia in salita per gli Azzurri. La tv inquadra Cannavaro e Chiellini, guardano verso le tribune. Poi l’occhio della telecamera si posa su Daniele: il suo sguardo è fisso verso il centro del campo. Di fronte o accanto a lui non c’è nessuno, ma lui urla lo  stesso: «Daje». È la parola che tutta Italia vorrebbe dire ai ragazzi di Lippi. E non è un caso che la dica lui: il romano, il romanista, l’italiano. Daniele De Rossi. Come sempre. Sulle spalle il numero 6, quello che nella Roma non c’è più. Gli scarpini sono nuovi, neri e gialli, e toccano il primo pallone dopo appena un minuto. Al 10’ la prima vera bella azione dell’Italia passa proprio da lui: spacca in 2 il centrocampo del Paraguay, lascia sul posto mezza squadra e passa a Pepe, defilato a destra. L’azione si conclude con un nulla di fatto, ma un brivido corre lungo la schiena dei romanisti: subito dopo il passaggio all’amico Simone, infatti, Daniele viene atterrato in corsa da Caceres (solo omonimo dell’ex juventino) che lo prende sul piede sinistro. De Rossi è a terra per un attimo, ma per chi è giallorosso pare un’eternità.
Al 30’ altro splendido lancio, ma anche in questo caso nessun pericolo per la difesa sudamericana. Quando il Paraguay passa in vantaggio cerca di contrastare Alcaraz, ma il gol arriva lo stesso. Nel secondo tempo, De Rossi sale in cattedra: detta i tempi del gioco, fa da schermo davanti alla difesa e poi rilancia l’azione, insieme a Montolivo, che consola pure dopo un fallaccio. Al 18’ la svolta: cross di Pepe, Villar va a vuoto e Daniele insacca. Lui esulta, corre verso la panchina, abbraccia Gattuso e tutti gli altri. È la sua notte, la notte in cui la pioggia sudafricana spazza via tutte le polemiche. Non i numeri, quelli nessuno può portarli via: per De Rossi è il nono gol (rigore contro la Francia escluso) in cinquantacinque partite azzurre, raggiunto Totti, mai nessun romanista ha fatto tanto. Ed è solo l’inizio. Perché la partita di ieri sera ha dimostrato una cosa: De Rossi c’è. L’Italia forse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>