Eto’o: “Adriano super, Totti e Del Piero sono mancati all’Italia”

di Redazione Commenta


Dal Romanista:

«Adriano? È fortissimo, se starà bene può essere la svolta della vostra stagione». In tanti, in questi giorni, si sono espressi così sull’arrivo dell’Imperatore alla Roma. Quando però a farlo è uno che in carriera ha vinto 3 coppe dei campioni ed è considerato uno degli attaccanti più forti al mondo, l’investitura è ancora più importante. Perché Samuel Eto’o, al Romanista, lo dice e lo ribadisce, prima in italiano poi in spagnolo: «Adriano è fortissimo». Pantaloni scuri e camicia di jeans, attorniato dalla compagna e da vari amici, autografa palloni. E bandiere, magliette, cartoline, persino un biglietto aereo: Samuel Eto’o a Parigi è una vera star. A Parigi il sole brucia e le giornate finiscono tardi: alle dieci è ancora giorno. Per questo, quando comincia la partita del Brasile, Eto’o mugugna, visto che la troppa luce non gli consente di vedere bene. Chiede a un amico di dirgli che formazione schiera il Brasile e si dice favorevolmente sorpreso dal buon cammino fatto fin lì dal Cile. Passa un bambino con la maglia del Brasile, si ferma alla vetrina del locale per guardare, coi genitori, qualche minuto di partita. Eto’ o, che con la sua stazza copre la visuale, si sposta per consentirgli di vedere e si piazza proprio sotto al televisore. In quel momento segna Juan: il suo amico fa un gesto come a dire «che gol» e lui, in spagnolo, risponde: «È saltato altissimo, ma lui li ha questi colpi». La partita del numero 4 romanista è praticamente perfetta e anche lui concorda: «Sì – conferma – non sta sbagliando nulla. Così come il mio amico Lucio, sono una coppia fenomenale». A pochi secondi dal fischio finale, l’ennesimo bambino gli chiede l’autografo. E gli fa: «Ma due giorni fa ti ho visto in televisione, non stavi al Mondiale?». Eto’o sorride e gli spiega: «Sì, ma siamo stati eliminati. Adesso mi riposo». Poi si alza e decide di andare via. Prima, però, c’è il tempo per un’altra battuta? «Un commento sull’Italia? È meglio che ognuno pensi al suo Paese… Però certo se ci fosse stato uno come Totti, o Del Piero, le cose sarebbero potute andare diversamente». Con queste parole finisce la sua giornata parigina e iniziano le vacanze: «Sì, basta parlare di calcio». L’appuntamento, con lui, è per la Supercoppa. Lo aspettano la Roma, i suoi tifosi e, soprattutto, il «fortissimo» Adriano.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>